informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come inserire le citazioni bibliografiche in una tesi di giurisprudenza?

Commenti disabilitati su Come inserire le citazioni bibliografiche in una tesi di giurisprudenza? Studiare a Cagliari

La stesura di una tesi di Laurea rappresenta un momento di grande importanza nella vita dello studente. È il sigillo finale di un percorso accademico e sarà seguito solamente dalla discussione dell’elaborato, ultimo obbligo del laureando. In questa guida, l’Università Telematica Niccolò Cusano vi darà indicazioni utili su come strutturare una tesi di Laurea e, nello specifico, su come inserire le citazioni bibliografiche in una tesi di giurisprudenza.

Coloro che intendono laurearsi in giurisprudenza sono consapevoli che una tesi è redatta in maniera ideale solo se contiene una corretta citazione delle fonti, indispensabili in un elaborato ufficiale.

Elencare in modo sistematico tutte le fonti a cui si attinge, e farlo secondo linee guida codificate, è parte integrante di una tesi di laurea. Permette, infatti, la comprensione della tipologia di lavoro svolto e costituisce un link utile per approfondire un determinato argomento.

Citazioni bibliografiche tesi giurisprudenza

La bibliografia di un tesi serve ad elencare e ordinare i documenti effettivamente consultati durante la stesura dell’elaborato. Le
citazioni che la compongono riportano di conseguenza i dati necessari per individuare e reperire i documenti indicati.

Il materiale che di solito viene indicato nelle citazioni bibliografiche di un tesi di giurisprudenza è costituito in linea di massima da:

  • saggi
  • atti normativi
  • sentenze
  • contributi dottrinali
  • codici di carattere giuridico (penale e civile)

Nell’andare a redigere una tesi di laurea non è importante solamente il contenuto della stessa (che deve essere ineccepibile per grammatica e sintassi) ma anche il rispetto di alcune formalità di stesura. Tra queste, ovviamente, figura l’insieme di indicazioni che regolano il corretto inserimento delle citazioni bibliografiche di un tesi di giurisprudenza.

Ma cos’è, nello specifico, una citazione bibliografica? Le citazioni bibliografiche svolgono la funzione di indicare i documenti (monografie, sentenze o altri testi) a cui si fa riferimento nella tesi, come fonti di informazioni o come termini di confronto.

Le citazioni riportano le caratteristiche essenziali dei documenti (autori, titolo, data, ecc.) e forniscono, se necessario, indicazioni utili sull’ubicazione dei testi.

Lo stile OSCOLA

Esistono diversi sistemi di citazione. Nello specifico, nelle tesi redatte da studenti appartenenti a Facoltà giuridiche, si utilizza per la maggiore il cosiddetto stile OSCOLA. Si tratta di un sistema di notazione che prevede il completo riferimento alla fonte citata nelle note a piè di pagina.

Lo stile OSCOLA, acronimo di Oxford University Standard for Citation of Legal Authorities, è stato sviluppato da Peter Birks, tra i più grandi studiosi di legge del Regno Unito del ‘900, detentore per molti anni di una cattedra di diritto civile a Oxford.

Il metodo di notazione noto come OSCOLA si struttura nel seguente modo. Una fonte che viene citata in una tesi apparirà così nelle note a piè di pagina:

Autore/titolo del testo in corsivo/editore e data di pubblicazione separati da una virgola, racchiusi tra parentesi tonde

Ecco un esempio concreto:

Contenuto dell’elaborato

Il capo della Squadra Mobile di Firenze che indagò sul mostro di Firenze parla oggi di una verità giuridica negata¹.

Citazione nelle note a piè di pagina con lo stile OSCOLA

¹M. Giuttari. Il mostro. Anatomia di un’indagine. (Rizzoli, 2006)

Nella bibliografia finale della tesi verrà riportato nuovamente il testo citato, nel seguente modo:

¹Giuttari Michele. Il mostro. Anatomia di un’indagine. (Rizzoli, 2006)

Bibliografia tesi giurisprudenza. Esempi:

Per i laureandi in Giurisprudenza, le citazioni nelle tesi possono riguardare monografie, leggi, norme, decreti, sentenze e articoli.

Se verrà citata la giurisprudenza in maniera significativa, è ammesso l’elenco delle sentenze in una sezione separata (in ordine
cronologico e per organo e/o grado di giurisprudenza).

L’elenco dei siti citati (la cosiddetta sitografia) deve contenere una delucidazione circa il contenuto delle relative pagine web, non solo i link di riferimento. Articoli e saggi pubblicati sul web vengono inseriti normalmente nella bibliografia.

Per le citazioni bibliografiche nelle tesi di giurisprudenza, esiste tutto un sistema codificato di abbreviazioni che rende più agevole la consultazione.

Ecco le corrette indicazioni per inserire le citazioni tesi nelle note a piè di pagina e compilare la bibliografia senza incappare in errori:

Citare leggi e normative

Nelle note a piè di pagina:

  • Nome o abbreviazione del tipo di atto
  • Data (giorno, mese, anno)
  • virgola
  • Numero (preceduto da n.)
  • Epigrafe (cioè titolo dell’atto, tra “virgolette” oppure in corsivo)

Ecco alcune abbreviazioni:

  • Decreto legge = D.L.
  • Decreto legislativo = D. lgs.
  • Costituzione della Repubblica = Cost.
  • Legge = L.
  • Legge costituzionale = L. costituzionale
  • Decreto ministeriale = D.M.
  • Legge regionale = L.R.
  • Decreto del presidente della repubblica = D.P.R.
  • Decreto legislativo = D.Lgs.
  • Regio decreto = R.D.
  • Decreto legislativo presidenziale = D.L.P.
  • Regio decreto legge = R.D.L.
  • Regio decreto legislativo = R.D.Lgs.
  • Decreto legislativo luogotenenziale= D.L.L.
  • Deliberazione della giunta regionale = D.G.R.
  • Regolamento = Reg.
  • Decreto ministeriale = D.M.
  • Decreto presidenziale = D.P.
Esempi di citazioni di leggi:

Es. 1 – Prima nota nel capitolo:

Legge 6 agosto 1990, n. 223, “Disciplina del sistema radiotelevisivo pubblico e privato”

Per la nota successiva, è possibile citare nelle note nei seguenti modi:

  • L. 223/1990
  • Legge 223/1990
  • Legge n. 223/1990

Per chi volesse approfondire la materia, è possibile richiedere informazioni compilando il form nei contatti dell’Università telematica Niccolò Cusano a Cagliari.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali