informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si studia ingegneria all’università? Ecco quello che devi sapere

L’approccio con le materie ad indirizzo ingegneristico può rivelarsi in alcuni casi ostico, soprattutto quando non si ha la minima idea di come si studia ingegneria all’università.

Per quanto l’ambito offra numerosi sbocchi occupazionali post-laurea, in svariati settori del mercato professionale, si tratta di percorsi di studio basati su materie tecnico-scientifiche, per cui piuttosto impegnative.

Ecco il motivo per il quale è importante approcciarsi all’ingegneria nel modo giusto, ed ecco perché abbiamo deciso di raccogliere in questo post alcuni consigli efficaci per essere produttivi nello studio della fisica, della chimica e della matematica …

Continue Reading

Commenti disabilitati su Come si studia ingegneria all’università? Ecco quello che devi sapere Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Come sviluppare spirito critico? 5 consigli da tenere a mente

In un mondo in cui la finzione si confonde sempre più spesso con la realtà è importante sapere come sviluppare spirito critico.

Nell’era in cui il web sottopone quotidianamente alla nostra attenzione un enorme calderone di informazioni e notizie, alcune delle quali reali, altre condite da stratagemmi giornalistici ed altre totalmente inventate per ottenere visualizzazioni, essere in grado di individuare l’attendibilità delle fonti, e di ciò che scrivono, è fondamentale per non finire in balia di una realtà che non è reale.
Lo stesso discorso vale chiaramente per ciò che ci viene proposto in tv e per ciò che ogni giorno sentiamo dire dalle persone che ci circondano.

In ambito lavorativo essere in grado di pensare in maniera critica rappresenta un’esigenza; in ambito scolastico rappresenta un plus che, soprattutto in ambito economico e politologico, permette di acquisire una formazione fatta di concetti assimilati, e non semplicemente memorizzati per superare gli esami.

Purtroppo oggi, complice proprio l’influenza di internet, la società è caratterizzata da una palese standardizzazione del pensiero. In altre parole si tende a pensare in modo collettivo e a diventare vittime di una sorta di manipolazione, attuata a vari livelli dal contesto che ci circonda.

Ecco perché in questo post abbiamo deciso di affrontare la tematica e di fornire, a quanti desiderano aprire la mente, gli strumenti e le strategie per imparare e/o rafforzare la capacità di pensare criticamente.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Come sviluppare spirito critico? 5 consigli da tenere a mente Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Università online a Cagliari: le proposte per la tua formazione

Stai cercando un’università online a Cagliari che ti garantisca una preparazione in linea con la richiesta dell’attuale mercato professionale?

Stai valutando le varie proposte formative ma ti sembrano tutte uguali e non riesci a prendere una decisione?

Sei scettico in merito al livello qualitativo delle telematiche soltanto perchè qualcuno, poco propenso all’innovazione e al progresso, ti ha trasmesso i suoi dubbi e le sue perplessità?

Se le domande con le quali abbiamo aperto il post ti suonano familiari e non ti lasciano scegliere con serenità e consapevolezza la strada migliore per il tuo futuro professionale significa che hai urgente bisogno di fare chiarezza; significa che devi assolutamente leggere i paragrafi che seguono per avere un’idea più precisa di quelle che sono le alternative alla formazione tradizionale.

In questo post analizzeremo nel dettaglio la modalità e-learning, evidenziando caratteristiche formative e vantaggi della formazione a distanza.

Mettiti comodo e leggi con attenzione … è del tuo futuro che si sta parlando!

Continue Reading

Commenti disabilitati su Università online a Cagliari: le proposte per la tua formazione Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Cos’è la tutela del suolo e delle acque: un quadro normativo

La tutela del suolo, e più in generale la salvaguardia dell’ambiente, rientra tra le tematiche di grande attualità e, in quanto tale, ha acquisito un’importanza sempre maggiore all’interno dell’ordinamento giuridico nazionale e comunitario.

Alla luce di una situazione ambientale alquanto drammatica, che affligge l’intero pianeta a vari livelli e che causa catastrofi e fenomeni naturali disastrosi, si rendono impellenti interventi concreti e capillari rivolti a salvaguardare la salute della nostra amata Terra.

Smaltimento dei rifiuti, emissione di idrocarburi e sostanze altamente inquinanti nell’atmosfera, nelle acque e nel suolo, un consumismo frenetico e la distruzione di migliaia di ettari di terreni finalizzata a fare spazio ai centri urbani sono alcune delle cause che hanno portato il pianeta a una condizione di salute estremamente precaria.

Nel corso del tempo la situazione è peggiorata progressivamente al punto che la normativa internazionale ha dovuto adeguarsi, di volta in volta, alle nuove e via via più impellenti urgenze ed esigenze.

La salvaguardia dell’ambiente è stata interessata da innumerevoli modifiche normative; in questa sede ci focalizzereno in particolare sulle norme sulla tutela del suolo e delle acque.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Cos’è la tutela del suolo e delle acque: un quadro normativo Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Cos’è e come scrivere la sitografia della tesi di laurea

Sei alla ricerca di una guida che ti spieghi nel dettaglio e con chiarezza come scrivere la sitografia della tesi di laurea?

Se hai bisogno di un supporto concreto, che ti consenta di realizzare un elaborato perfetto, completo e curato in ogni minimo dettaglio, allora ti suggeriamo di soffermarti qualche minuto su questa pagina.

Nei paragrafi che seguono l’Università Telematica Niccolò Cusano di Cagliari ha raccolto una serie di dritte, regole e suggerimenti per redigere correttamente sitografia e bibliografia.

Ma procediamo per gradi …

Continue Reading

Commenti disabilitati su Cos’è e come scrivere la sitografia della tesi di laurea Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Cos’è l’educazione in età adulta e quali sono gli approcci da conoscere

Cresce costantemente l’interesse a livello internazionale verso l’educazione in età adulta.

La motivazione è da ricercare in una prospettiva che, attraverso un forte impegno civile, mira a sviluppare nei singoli e nella comunità una maggiore coscienza dei rispettivi diritti, iniziando proprio da diritto all’educazione, base fondamentale per l’emancipazione culturale, sociale e politica di un paese.

Nel corso del tempo i principi di cui sopra si sono affermati, seppur molto lentamente, nelle linee guida delle politiche formative/educative dei Paesi Europei, consapevoli del fatto che l’educazione è lo strumento più efficace per affrontare il cambiamento e per promuovere la completa realizzazione dell’individuo.

Gli aspetti sui quali, sia a livello internazionale che nazionale, è necessario impegnarsi concretamente per risolvere le problematiche formative di singoli e gruppi sono essenzialmente due: l’inadeguata e talvolta scarsa specializzazione professionale e una generale carenza culturale.
In Italia, infatti, più del 40% della popolazione adulta (compresa tra i 20 e i 64 anni) ha un livello di istruzione che non supera gli otto anni complessivi; il dato più preoccupante è che rientrano nella percentuale 3 milioni di giovani tra i 20 e i 34 anni.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Cos’è l’educazione in età adulta e quali sono gli approcci da conoscere Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Come farsi rispettare da tutti: consigli utili da seguire

Nell’ambito di un contesto sociale nel quale predomina l’individualismo ci si domanda sempre più spesso come farsi rispettare da tutti.

Partiamo dal presupposto che il ‘vero’ rispetto è quello che nasce in maniera naturale e spontanea; lo si ottiene senza alcuno sforzo e senza particolari ‘strategie’: semplicemente essendo se stessi.

Esiste poi il rispetto totalmente costruito, quello che generalmente viene concesso con l’unico obiettivo di raggiungere uno scopo o di evitare ripercussioni.

Se sei arrivato su questa pagina significa che non sei soddisfatto del rispetto che ricevi dalle persone che ti circondano, ad esempio dai figli, dal compagno, dai colleghi, dagli amici o dal datore di lavoro.

Ecco perchè l’Università Telematica Niccolò Cusano di Cagliari ha raccolto in quest post le dritte più efficaci e i suggerimenti per farsi rispettare.
Partiremo dal concetto di rispetto, e dal significato che assume a seconda delle esigenze, per arrivare ai comportamenti che portano gli altri ad adottare un atteggiamento rispettoso e di ammirazione.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Come farsi rispettare da tutti: consigli utili da seguire Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Libri sulla psicanalisi: ecco i 5 da leggere

Se vuoi diventare psicanalista e hai deciso di iscriverti a un corso di laurea in Psicologia; se ti affascina l’inconscio e desideri approfondirne teorie e ipotesi per ampliare le tue conoscenze in merito: nel corso di questo post troverai 5 titoli di libri sulla psicanalisi da leggere assolutamente.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Libri sulla psicanalisi: ecco i 5 da leggere Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Fumetti divertenti: i 10 da leggere assolutamente

Fanno sorridere, fanno riflettere ma soprattutto offrono lo spunto per staccare la spina dalla realtà e per immergersi in un mondo parallelo fatto di umorismo e tanta simpatia: stiamo parlando dei fumetti divertenti che hanno intrattenuto e continuano a intrattenere intere generazioni.

Continue Reading

Commenti disabilitati su Fumetti divertenti: i 10 da leggere assolutamente Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Domande a risposta multipla: cosa sono e come imparare a gestirle

Prima o poi capita a tutti nella vita di dover affrontare un test composto da domande a risposta multipla.

La particolare e ormai diffusissima tipologia di prova scritta può afferire a differenti ambiti e contesti; può ad esempio essere presente tra le verifiche universitarie, nei percorsi di specializzazione post-universitari, nella terza prova di maturità, nei corsi di aggiornamento in ambito professionale, nei quiz per la patente e nelle selezioni per l’ammissione a concorsi pubblici.

Il motivo del crescente utilizzo dei test a risposta multipla è da ricercare nell’efficacia dello strumento in ottica valutativa.
Nel settore pubblico concorsuale all’aspetto ‘valutazione’ si aggiunge il vantaggio di sfoltire il numero dei candidati effettuando una pre-scrematura prima delle successive prove di selezione.

In linea generale risultano particolarmente utili quando la valutazione riguarda caratteristiche e competenze definibili ‘standard’.

Sulla base di una certezza assoluta, ossia che ‘nella vita gli esami non finiscono mai’, l’Università Telematica Niccolò Cusano di Cagliari ha deciso di realizzare una piccola guida contenente suggerimenti e dritte utili per affrontare le domande a risposta multipla nel migliore dei modi.

Per evitare che l’affermazione venga fraintesa è d’obbligo una premessa.

Nei paragrafi che seguono non troverai la formula magica che ti permetterà di superare la prova senza il minimo sforzo; anche perché non esiste!
L’unica metodologia che garantisce il superamento del test con successo è lo studio.
Ciò che leggerai di seguito ti risulterà utile nei casi in cui un vuoto di memoria, un’indecisione o il mancato approfondimento di un argomento ti impediscono di scegliere una risposta con un sufficiente grado di sicurezza.

Test a risposta multipla: cosa sono

Le domande a risposta multipla sono identificate talvolta anche come ‘test a crocette’ o ‘quiz a risposta chiusa’.

Wikipedia le definisce come:

“una forma di domande di valutazione per le quali chi risponde deve selezionare una o più risposte da una data lista”

Per ogni domanda viene fornito un certo numero di alternative tra le quali è presente la risposta corretta.
Alcune tipologie di quiz prevedono più opzioni corrette di risposta; altri ne prevedono soltanto una.

Generalmente la tipologia più comune è quella che prevede un elenco di risposte nell’ambito delle quali solo una è l’informazione corretta.

L’ideatore del test a crocette è Frederick J. Kelly, un professore della Kansas University che nel 1914 sperimenta il metodo per identificare gli studenti da formare come reclute per il conflitto mondiale.

Come affrontarli

Che si tratti di domande a risposta multipla di cultura generale o di quiz afferenti a una determinata materia, esistono alcune dritte comuni e generali che possono concretamente contribuire a supere brillantemente un test.

Partiamo da un elemento di riferimento fondamentale: ogni test identificato come tale prevede un limite temporale per lo svolgimento. Non importa se si tratta di un’ora, di due o di tre; ciò che conta è suddividere il tempo a disposizione per il numero delle domande.
Ricordati di prevedere qualche minuto per leggere tutto il test, per iniziare a farti un’idea della tipologia di quesiti e del livello di difficoltà rispetto alla tua preparazione.

Il primo step, dopo aver programmato un efficace time management, è comprendere la logica dei punteggi.
Ad esempio se le risposte sbagliate fanno maturare un punteggio negativo, in caso di dubbio è preferibile non rispondere; se invece sono considerate al pari di quelle lasciate in bianco è consigliabile tentare la sorte e azzardare una risposta. Non si sa mai!

Ecco di seguito qualche consiglio per approcciarti nella maniera giusta alle domande scritte di un quiz:

  • Leggi con attenzione ogni domanda ma soprattutto, prima di indicare la risposta corretta, leggi attentamente tutte le opzioni disponibili. Non sempre la prima informazione che ti sembra essere quella giusta, è quella corretta.
  • Se ti trovi in presenza di una domanda particolarmente ostica adotta il criterio dell’esclusione; prova ad eliminare quelle che razionalmente ti sembrano essere le opzioni errate.
  • Ricorda che non devi necessariamente rispondere ai quesiti nell’ordine esatto in cui ti vengono proposti; puoi tranquillamente dedicarti prima a quelli che conosci per poi focalizzarti, prendendoti anche qualche minuto in più, sulle domande per le quali non ti senti sicuro.

Dal punto di vista emotivo bisognerebbe approcciarsi al test con la mente libera da pensieri negativi, che generano agitazione. La respirazione è sicuramente una delle tecniche più efficaci per scaricare l’ansia legata alla preoccupazione di non riuscire a superare la prova.

test risposta multipla

Come superare con successo un test a crocette: suggerimenti utili

Eccoci giunti nel cuore del nostro post, quello in cui ti sveleremo qualche piccolo trucchetto per aumentare le probabilità di rispondere correttamente alle domande previste da un test a risposta multipla.

Per praticità abbiamo suddiviso i suggerimenti in punti numerati.
Eccoli di seguito.

  1. Non seguire l’intuito
    Quando ti accorgi di non conoscere la risposta giusta, o quando un dubbio ti assale, sei portato quasi sempre a fidarti dell’intuito, e a rispondere impulsivamente.
    Per quanto tu abbia fiducia in te stesso, questa non è la strada giusta da percorrere.
    Prova a identificare nelle opzioni fornite eventuali frasi o parole che risultano totalmente estranee alla tua preparazione; le risposte che contengono elementi ‘nuovi’ sono, nella quasi totalità dei casi, errate.
  2. Concentrati sulle risposte simili
    Può capitare che tra le risposte siano presenti due opzioni simili tra loro, che differiscono per una o due parole.
    Trattandosi di domande finalizzate a valutare la conoscenza in merito a definizioni esatte, la risposta giusta è da identificare proprio tra le due varianti che si assomigliano.
    Tra l’altro, adottando tale strategia, avrai il 50% di possibilità di rispondere in maniera corretta.
  3. Scarta gli assolutismi
    Termini come ‘nessuno’, ‘tutti’, ‘qualunque’ sono quasi sempre parte di risposte sbagliate. Questo perché in linea generale, di qualsiasi settore si parli, sono poche le cose che possono essere considerate assolute; occhio quindi a non farti ingannare.
  4. Leggi tutte le domande
    Nel momento in cui ti ritrovi di fronte a un quesito per il quale non riesci ad identificare la risposta corretta ti consigliamo di leggere la domanda successiva; capita spesso, infatti, che proprio lì si nascondono indizi utili a identificare la risposta giusta.
  5. Attenzioni alle opzioni che danno la stessa risposta
    Nei casi in cui il test prevede un’unica risposta esatta, le opzioni che dicono la stessa cosa, seppur in maniera ‘occulta’, sono da scartare.
    Si tratta di un piccolo trucco, apparentemente scontato, che talvolta può sfuggire all’occhio del candidato agitato e poco lucido.
  6. Occhio agli indizi nascosti
    Al punto numero 4 abbiamo parlato di casi in cui gli indizi per rispondere correttamente ad alcune domande si nascondono nei successivi quesiti.
    Può altresì capitare che la risposta a una domanda sia celata nella sua stessa domanda; il consiglio è di leggere con estrema attenzione i quesiti.
  7. Analizza le ‘esagerazioni’
    Il trucchetto funziona soprattutto nei quiz matematici, quando tra i numeri inseriti tra le opzioni di risposta figurano valori estremi, palesemente esagerati rispetto a quelli delle altre possibili risposte.
  8. Cerca gli opposti
    In un elenco di opzioni spesso sono presenti risposte di significato totalmente opposto. Generalmente è proprio tra queste che si nasconde l’informazione giusta.
    Scartando tutte le altre risposte avrai il 50% delle possibilità di ‘indovinare’, che indubbiamente è meglio di un 25%.

Concludiamo il nostro post nello stesso modo in cui lo abbiamo aperto: i suggerimenti sono da intendersi come ‘suggerimenti’ e non come formule magiche da utilizzare per avere la garanzia di successo.

Lo studio e la preparazione sono gli unici strumenti davvero ‘infallibili’ per superare brillantemente un test.

Commenti disabilitati su Domande a risposta multipla: cosa sono e come imparare a gestirle Studiare a Cagliari

Leggi tutto

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali