informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scegliere l’argomento della tesi: consigli utili

Commenti disabilitati su Come scegliere l’argomento della tesi: consigli utili Studiare a Cagliari

Sei a un passo dalla tanto attesa laurea e ti stai domandando come scegliere l’argomento della tesi?
Tra la gioia di aver finalmente concluso il percorso di studi e l’ansia di dover preparare l’elaborato non riesci ad individuare una tematica che potrebbe diventare oggetto della tua discussione?
I tuoi  pensieri sembrano tendere verso la negatività più assoluta e quest’ultimo sforzo ti sembra un’impresa titanica impossibile da affrontare?

Tranquillo, è tutto normale!

L’Università Telematica Niccolò Cusano di Cagliari è qui per aiutarti e per sostenerti anche in questa delicata fase …

Tu non devi fare altro che metterti comodo e leggere questo post fino alla fine.
Si tratta di una guida pratica che ti fornirà consigli e dritte per uscire dall’empasse e per affrontare con l’entusiasmo giusto l’ultimo ‘ostacolo’ che ti separa dall’agognato titolo.

A cosa serve la tesi

Triennale, magistrale, ad indirizzo economico o ingegneristico:  qualunque sia il percorso che ti appresti a portare a termine, prima ancora di parlare di argomenti da approfondire dovresti avere le idee ben chiare sulle finalità della tesi.

A cosa serve esattamente preparare un elaborato così lungo e approfondito su una determinata materia se hai già affrontato una marea di esami orali e test scritti su quello stesso ambito tematico?

Qualcuno la considera una mera formalità, qualcun altro la ritiene un momento di crescita personale durante il quale confrontarsi con la propria stessa preparazione, qualcun altro ancora la affronta come un’opportunità per approfondire le proprie conoscenze in merito ad un argomento.

Insomma, ognuno ha la propria idea che in qualche modo gli fornisce la motivazione e le energie per raggiungere il traguardo finale: la laurea.

Sono in pochi quelli che riescono ad inquadrare la stesura della tesi in ottica occupazionale; sono in pochi quelli che riescono  a vedere la tesi come uno strumento dotato di interessanti e concrete potenzialità nell’ambito della ricerca di un lavoro. 

Per quelli che fino ad oggi hanno sottovalutato l’aspetto ecco una breve considerazione in grado di rendere chiaro il concetto: molte aziende selezionano i candidati, e i possibili collaboratori, attraverso le tesi di laurea.

La selezione, in tal senso, avviene principalmente per i neolaureati in materie scientifiche.

In sintesi, l’elaborato che ti appresti a preparar potrebbe rappresentare una grande opportunità per allargare i tuoi orizzonti lavorativi e per ottenere un maggior numero di contatti per colloqui e proposte di stage.

La scelta del professore

La stesura di una buona tesi scaturisce da diversi fattori; non soltanto dall’argomento che affronta.

Tra i vari elementi che contribuiscono alla realizzazione di un lavoro ben fatto figura anche la scelta del relatore.

La selezione dell’argomento della tesi è strettamente correlata, e talvolta anche vincolata, a quella del professore per cui è d’obbligo, prima ancora di parlare di tematiche da affrontare, focalizzarci sull’identificazione del profilo che seguirà la stesura dell’elaborato.

Le strategie da approcciare sono leggermente diverse, a seconda se hai già scelto l’argomento, o comunque hai già qualche idea, o se sei ancora in alto mare e non sai da dove partire.

Hai già qualche idea

Se hai già individuato la tematica da trattare nel corso del tuo elaborato, o se hai un’ idea dalla quale partire, allora non ti resta che individuare il relatore.
Quest’ultimo dovrà comunque darti la sua approvazione per cui cerca di proporti con entusiasmo e convinzione, e magari anche con una prima impostazione generale del lavoro.
Se ostenterai sicurezza in te stesso e nelle tue idee avrai maggiori possibilità di convincere il docente; viceversa, se ti mostrerai indeciso, titubante e insicuro, rischierai di ‘subire’ la sua proposta e ti ritroverai ad affrontare un tema che incontra i suoi interessi ma non i tuoi.

In linea generale, il consiglio è di individuare un profilo competente, in possesso di conoscenze approfondite e aggiornate sull’argomento che hai selezionato.

Non hai alcuna idea

Se parti da zero e non hai la benché minima idea sull’argomento da sviluppare, allora probabilmente stai riponendo le tue speranze nell’aiuto del docente.

Se per la scelta dell’argomento della tesi hai deciso di affidarti al prof allora ti suggeriamo di valutare attentamente la persona che, in tal senso, ti guiderà.

Puoi partire dai docenti con i quali hai instaurato un buon rapporto oppure da quelli che, secondo le voci di corridoio, si mostrano più disponibili a seguire i propri studenti.

Puoi eventualmente valutare la possibilità di affidarti a profili che hanno rapporti e contatti concreti con il mondo del lavoro, per cui potrebbero, in prospettiva, agevolare la tua introduzione in qualche contesto lavorativo.

La scelta dell’argomento

Eccoci giunti nel cuore del nostro post, quello in cui ti forniremo consigli e dritte per selezionare l’argomento in linea con le tue attitudini, esigenze e preferenze.

Prima una premessa importante: scrivere la tesi significa trascorrere intere settimane ad approfondire una tematica, per cui è importante, anzi fondamentale, scegliere un argomento che ti incuriosisca e che stimoli il tuo interesse.

I criteri sulle quali basare la scelta possono essere diversi.

Puoi partire dalle materie che ti hanno appassionato maggiormente, oppure da quelle nelle quali ti sei distinto ottenendo voti alti.

Prova ad esempio ad identificare l’argomento di una materia che ti ha particolarmente colpito/interessato e da lì cerca di estrapolare un possibile spunto per la tua tesi.

Inizia quindi ad individuare una macro-area; successivamente annota su un foglio le micro-aree correlate e le relative tematiche intorno alle quali poter costruire un elaborato.

E’ importante, durante la fase di selezione, valutare una serie di aspetti pratici: primo fra tutti il materiale di approfondimento disponibile. E’ fondamentale, prima di partire in quarta, farsi un’idea della reperibilità, più o meno agevole, delle informazioni relative alla tematica scelta.

Per alcune discipline sono disponibili innumerevoli e svariate fonti di studio e approfondimento; per altre la ricerca può risultare più difficoltosa.

In linea generale, per quanto possa risultare attinente al tuo settore di specializzazione e in linea con i tuoi interessi, ti suggeriamo di non focalizzarti su argomenti troppo generici, ma di individuare temi specifici, possibilmente attuali ed originali.

Il termine ‘attuale’ appena utilizzato merita un approfondimento.
Oltre ad avere a disposizione un’enorme quantità di fonti dalle quali attingere informazioni, l’argomento che risponde alla caratteristica di ‘attualità’ agevolerà i tuoi primi passi nel mondo del lavoro; la tua ricerca, se ben strutturata, potrebbe rappresentare un ottimo biglietto da visita nell’ottica di una futura collaborazione professionale.

scrivere la tesi

Compilativa o sperimentale

Un ultimo aspetto da valutare, una volta individuato l’argomento, è quello relativo alla tipologia di tesi.

Puoi optare per un elaborato di tipo compilativo e per un elaborato sperimentale.

Sai già che la tesi compilativa si basa essenzialmente su un lavoro di ricerca e rielaborazione mentre la tesi sperimentale è incentrata prevalentemente su un lavoro di tipo pratico.

Per alcuni indirizzi di studio si adatta meglio la prima per alcune facoltà è preferibile optare per la seconda.

Le considerazioni da fare in fase di decisione sono le seguenti:

  • la tesi sperimentale spesso richiede più tempo, un impegno maggiore ed esperienza sul campo.
  • la tesi compilativa prevede un lavoro ‘d’archivio’, quindi più statico rispetto al precedente; si svolge essenzialmente in biblioteca o al pc.

C’è da sottolineare un dettaglio importante e cioè che la tesi sperimentale ‘talvolta’ induce la commissione ad assegnare punteggi maggiori; ma ancora più rilevante l’aspetto ‘referenza’ che un buon lavoro può portare in fase di colloquio di lavoro.

Ok, noi abbiamo terminato con la parte teorica dei consigli; ora che sai come scegliere l’argomento della tesi non devi fare altro che iniziare ad organizzare il lavoro di scrittura attraverso una tabella di marcia che scandisca i ritmi di lavoro; successivamente ti consigliamo di impostare un indice provvisorio degli argomenti da trattare, una sorta di schema che ti guidi durante la stesura dell’elaborato.

Non ci resta che augurarti buon lavoro!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali