informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come sviluppare spirito critico? 5 consigli da tenere a mente

Commenti disabilitati su Come sviluppare spirito critico? 5 consigli da tenere a mente Studiare a Cagliari

In un mondo in cui la finzione si confonde sempre più spesso con la realtà è importante sapere come sviluppare spirito critico.

Nell’era in cui il web sottopone quotidianamente alla nostra attenzione un enorme calderone di informazioni e notizie, alcune delle quali reali, altre condite da stratagemmi giornalistici ed altre totalmente inventate per ottenere visualizzazioni, essere in grado di individuare l’attendibilità delle fonti, e di ciò che scrivono, è fondamentale per non finire in balia di una realtà che non è reale.
Lo stesso discorso vale chiaramente per ciò che ci viene proposto in tv e per ciò che ogni giorno sentiamo dire dalle persone che ci circondano.

In ambito lavorativo essere in grado di pensare in maniera critica rappresenta un’esigenza; in ambito scolastico rappresenta un plus che, soprattutto in ambito economico e politologico, permette di acquisire una formazione fatta di concetti assimilati, e non semplicemente memorizzati per superare gli esami.

Purtroppo oggi, complice proprio l’influenza di internet, la società è caratterizzata da una palese standardizzazione del pensiero. In altre parole si tende a pensare in modo collettivo e a diventare vittime di una sorta di manipolazione, attuata a vari livelli dal contesto che ci circonda.

Ecco perché in questo post abbiamo deciso di affrontare la tematica e di fornire, a quanti desiderano aprire la mente, gli strumenti e le strategie per imparare e/o rafforzare la capacità di pensare criticamente.

L’Università Telematica Niccolò Cusano di Cagliari ha raccolto nei paragrafi che seguono 5 suggerimenti da seguire per imparare a sviluppare più chiavi di lettura della realtà, presupposto fondamentale sul quale vengono costruite le opinioni personali.

Come costruire spirito critico

Una persona allenata a pensare in maniera critica riesce a risolvere le problematiche autonomamente ed in maniera efficace.

Per allenarsi a leggere la realtà da differenti prospettive, utilizzando più chiavi di lettura e non semplicemente quelle che ci vengono proposte, in maniera più o meno occulta, da chi riceve un tornaconto economico dal fatto che la società la pensi in un certo modo, bisogna adottare una serie di atteggiamenti costruttivi.
Ecco di seguito quelli ritenuti più efficaci per conseguire un discreto livello di criticità nel pensiero.

1 – Interrogarsi

Il progresso tecnologico e la possibilità costante di accedere alle risorse di internet hanno da un lato agevolato alcuni processi e attività quotidiane, ma dall’altro hanno causato una sorta di ‘disabitudine’ all’autointerrogazione.
Le persone non si pongono più interrogativi e quando gli si presenta qualche ostacolo, qualche dubbio o qualche quesito, piuttosto che pensare autonomamente, si riversano sul web alla ricerca di una soluzione/risposta standardizzata e preconfezionata ad arte.

In altre parole non abbiamo più bisogno di acquisire conoscenze: abbiamo il web!

Il risultato è che non sappiamo più formulare domande costruttive e non riusciamo più a fare neppure un piccolo sforzo per cercare di capire e approfondire; diamo per scontato e per attendibile tutto ciò che internet ci propone.

Il primo step per sviluppare spirito critico è quindi quello di osservare la realtà che ci circonda in maniera più analitica e profonda, ponendoci domande e cercando di dare ad esse risposte oggettive, possibilmente senza subire l’influenza esterna.

2 – Analizzare il ragionamento altrui

Avere capacità di critica significa non considerare ‘oro colato’ ciò che dicono o pensano gli altri.

Precisiamo che per ‘altri’ non intendiamo soltanto riferirci alle persone a noi più vicine, con le quali quotidianamente interagiamo e ci confrontiamo più o meno direttamente; in senso molto più ampio includiamo nell’accezione tutto ciò che viene proposto da tg, programmi televisivi, riviste, quotidiani, social network, portali e siti web.

Per pigrizia o per tendenza consolidata dallo stile di vita frenetico dell’attuale società siamo portati a considerare realtà oggettiva tutto ciò che ci viene trasmesso/comunicato dal mondo che ci circonda, perdendo totalmente la capacità di analisi e critica.

Sviluppare la capacità di analisi è uno dei presupposti indispensabili per diventare critici nel pensiero.
Al di là di quelle che possono essere le evidenze scientifiche, supportate da dati oggettivi, dovremmo imparare a mettere in discussione, sempre, il ragionamento altrui.

L’obiettivo è acquisire l’attitudine ad analizzare attentamente ciò che gli altri dicono, per cercare di distinguere le informazioni e le deduzioni oggettive da quelle che invece provengono da credenze radicate, emozioni personali ed esperienze soggettive, per cui spesso prive di fondamento logico-coerente.

avere capacità di critica

3 – Imparare a leggere le sfumature

Nella società attuale, soprattutto tra le generazioni di giovani, va di moda il pensiero estremo, tecnicamente definito ‘dicotomico’.

Una ‘cosa’ viene definita giusta o sbagliata, bianca o nera, per cui si perde totalmente l’abitudine a considerare le sfumature.

Per la sua stessa natura, tesa a dividere in due parti, la dicotomia si scontra con il pensiero critico, che invece è basato sull’analisi di più aspetti della realtà.

Bisogna pertanto imparare a individuare, leggere e analizzare anche i piccoli dettagli, apparentemente banali, di tutto ciò che ci circonda: persone, eventi, situazioni, condizioni, ideologie, tendenze …
La curiosità e l’essere proiettati mentalmente a considerare più opzioni sono atteggiamenti che conducono l’individuo verso un profondo arricchimento personale.

Secondo il pedagogista Robert Ennis, una delle capacità fondamentali per un pensatore critico è avere una mente aperta.

Il presupposto si rende necessario nel momento in cui l’illusione fornita dal web tende ad essere considerata reale, al punto da diventare oggettiva, pur talvolta discostandosi totalmente dalla realtà scientifica.

4 – Sviluppare senso critico imparziale

Il pensiero critico richiede un processo impegnativo; per chi non è abituato a sviluppare un punto di vista personale, e tende pertanto a considerare oggettivo ciò che gli viene proposto dall’esterno, può diventare addirittura faticoso.

All’elemento ‘impegno’ bisogna aggiungere una discreta dose di umiltà intellettuale, che in molti casi si scontra con l’Ego.

In base ai criteri di valutazione proposti dagli psicologi Richard Paul e Laura Elder le persone sono classificate, in base al senso critico mostrato, in tre categorie:

  1. Persone acritiche: individui privi di senso critico e che non sono capaci di utilizzare la logica nel quotidiano. Esse tendono ad uniformarsi alle idee degli altri.
  2. Persone critiche ma egocentriche: individui dotati di senso critico debole ma fermamente decise a difendere le proprie posizioni, a dispetto dell’obiettività.
  3. Persone critiche imparziali: categoria di individui che hanno un forte senso critico, intenzionati a far valere i propri punti di vista con obiettività e imparzialità.

Chi ambisce a sviluppare un pensiero critico-costruttivo deve pertanto impegnarsi per rientrare nella terza categoria, quella degli imparziali non egocentrici.

5 – Essere ben informati

L’informazione trasmessa dai mass media, per quanto possa tendere verso l’oggettività, è soggetta a filtri ed escamotage giornalistici finalizzati ad attirare l’attenzione del pubblico. La stessa selezione delle notizie viene effettuata seguendo criteri che talvolta sono puramente televisivi.

Non è tanto il criterio della scelta che viene messo in discussione in questa sede quanto il fatto che vengono considerate oggettivamente importanti semplicemente perché sono state riprese dai media.

I trend topics del web determinano, più o meno con lo stesso criterio, gli argomenti e le tematiche da mettere in evidenza per cui gli utenti subiscono un’informazione la cui selezione viene effettuata da un algoritmo.

Per sviluppare senso critico bisogna avere una panoramica ampia e completa della tematica, che non includa soltanto ciò che altri decidono di sottoporre alla nostra attenzione.
Risulta importante, in tal senso, prestare attenzione all’autorevolezza delle fonti e quindi all’attendibilità delle notizie.

Noi ti abbiamo spiegato come sviluppare spirito critico; a te non resta che iniziare a mettere in pratica i nostri suggerimenti, e abituarti giorno dopo giorno a non accettare passivamente l’opinione degli altri ma a mettere in discussione, in maniera costruttiva, ciò che pensano e dicono.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali