informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare Giurisprudenza: metodo e consigli

Commenti disabilitati su Studiare Giurisprudenza: metodo e consigli Studiare a Cagliari

Se hai deciso di studiare Giurisprudenza ma ti spaventano la complessità degli esami e la mole di argomenti da assimilare ti consigliamo di leggere questo articolo: ti forniremo qualche consiglio utile per affrontare al meglio il percorso di studi.

Sappiamo bene che la facoltà giuridica è tutt’altro che semplice; richiede una discreta dose di impegno, tempo e soprattutto un buon metodo di studio, efficace e adatto alle peculiarità dell’indirizzo.

Chiaramente ognuno ha il proprio metodo di apprendimento, basato sulle attitudini, capacità ed esigenze personali, ma esistono alcune dritte e alcune strategie universalmente utili che ti aiuteranno ad affrontare il corso di laurea in Giurisprudenza nel modo giusto.

Come studiare Giurisprudenza: consigli utili

  • Programma
    Il primo consiglio per studiare Giurisprudenza e per preparare gli esami nel modo migliore è stilare un programma; vale un po’ per tutte le facoltà ma considerando la particolare complessità della materia in questo caso è ancora più importante.
    Affinché il suggerimento porti i suoi frutti è fondamentale che il planning sia realistico e che si adatti alle tue personali esigenze e capacità.
    Procedi in questo modo: analizza il materiale da studiare, familiarizza con esso e cerca di capire, aiutandoti magari con l’indice del libro, di quanto tempo hai concretamente bisogno per assimilarlo bene.
    Successivamente suddividi gli argomenti, o se preferisci i capitoli per i giorni che mancano all’esame, lasciando possibilmente liberi gli ultimi tre o quattro giorni, per ripassare e/o per ricaricare le energie.
  • Lezioni
    Segui sempre le lezioni: oltre a farti familiarizzare con la materia ti offrono un’importantissima opportunità ovvero conoscere il professore, il suo orientamento didattico e le parti del programma sulle quali si focalizza maggiormente.
    Tra l’altro la partecipazione alle lezioni consente momenti di confronto, domande e approfondimenti.
  • Appunti
    Un buon metodo di studio per studiare Giurisprudenza non può prescindere dal supporto degli appunti.
    Essere in grado di appuntare gli aspetti salienti analizzati dal professore è fondamentale; ciò è possibile, nel caso particolare della facoltà giuridica, utilizzando le abbreviazioni.
    Una buona soluzione potrebbe addirittura essere quella di registrare le lezioni, così da non correre il rischio di perdere passaggi importanti.
  • Libri e manuali
    E’ fondamentale attenersi alle indicazioni del professore; un testo non aggiornato potrebbe compromettere la preparazione, e quindi l’esito, dell’esame.
    Per quanto economicamente più vantaggioso anche un testo usato, e già sottolineato, potrebbe rallentare l’apprendimento e penalizzare il risultato della prova.
  • Sottolineatura
    Può sembrare un passaggio banale e scontato ma non è affatto così.
    Innanzitutto bisogna evitare le cosiddette sottolineature folli e indiscriminate: l’obiettivo dell’operazione è mettere in risalto soltanto i concetti e le parole chiave.
    Il consiglio in tal senso è non farlo mai in fase di prima lettura; sarebbe preferibile farlo durante la seconda o la terza, quando ormai si ha un quadro più preciso e completo della struttura del testo e della tipologia dei contenuti.
  • Codici
    Codice penale, codice civile, codice di procedura penale/civile: sono strumenti indispensabili per chi studia Giurisprudenza.
    Per velocizzare la comprensione di quello che studi ti suggeriamo di acquistare quelli contenenti le spiegazioni degli articoli.
  • Collegamenti tra le materie
    E’ credenza comune che lo studio settario delle materie aiuti a non confondere le idee; per gli argomenti del corso di Laurea in Giurisprudenza non è così.
    Gli esami della facoltà giuridica hanno una discreta similitudine fra loro per cui studiare contemporaneamente più materie stimola il ragionamento, i collegamenti e quindi un più rapido ed efficace apprendimento.
  • Anticipo
    Giocare d’anticipo è sempre una mossa vincente.
    Sono in molti gli studenti che commettono l’errore di iniziare a studiare a ridosso dell’esame, senza rendersi conto che la quantità di argomenti da assimilare è davvero notevole.
    L’ideale è iniziare con un largo margine di anticipo, suddividendo il lavoro in maniera tale da favorire l’assimilazione e non soltanto la memorizzazione.
  • Ripetere ad alta voce
    Per fissare bene nella memoria termini e nozioni giuridiche è consigliabile ripetere a voce alta.
    Simulare un colloquio di fronte a un amico/collega è l’ideale ma se non è possibile va bene anche da soli, magari di fronte ad uno specchio.

corso di laurea in Giurisprudenza

Studiare Giurisprudenza e lavorare

Starai pensando a uno scherzo, e invece no: conciliare un corso di laurea in Giurisprudenza con un impiego è davvero possibile; basta scegliere l’innovativa modalità formativa e-learning.

All’Università Telematica Niccolò Cusano la formazione a distanza si basa sulle potenzialità di una piattaforma telematica di ultima generazione, semplice e allo stesso tempo intuitiva.

In fase di iscrizione ogni corsista riceve una username e una password con le quali accedere alla propria area riservata, all’interno della quale è disponibile tutto il materiale didattico previsto dalla facoltà di Giurisprudenza.

La piattaforma mette a disposizione slide, e-book, appunti e test di autovalutazione. All’interno dell’area personale anche le video lezioni in streaming, che possono essere seguite comodamente online, da pc o da dispositivo mobile, a qualunque ora del giorno o della notte.

Se la tua ambizione è diventare avvocato, notaio o magistrato approfitta delle potenzialità del corso di laurea online Unicusano e dei consigli che ti abbiamo fornito; ti accorgerai che studiare Giurisprudenza non è affatto una mission impossibile riservata a pochi coraggiosi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali