informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è e come scrivere la sitografia della tesi di laurea

Commenti disabilitati su Cos’è e come scrivere la sitografia della tesi di laurea Studiare a Cagliari

Sei alla ricerca di una guida che ti spieghi nel dettaglio e con chiarezza come scrivere la sitografia della tesi di laurea?

Se hai bisogno di un supporto concreto, che ti consenta di realizzare un elaborato perfetto, completo e curato in ogni minimo dettaglio, allora ti suggeriamo di soffermarti qualche minuto su questa pagina.

Nei paragrafi che seguono l’Università Telematica Niccolò Cusano di Cagliari ha raccolto una serie di dritte, regole e suggerimenti per redigere correttamente sitografia e bibliografia.

Ma procediamo per gradi …

Il primo step relativo al lavoro di preparazione della tesi consiste nella scelta dell’argomento da affrontare.
Successivamente, in base anche alla tematica identificata come oggetto di approfondimento, si passa alla definizione della tipologia di elaborato da realizzare.
Trattandosi di un passaggio fondamentale, prima di entrare nel merito dell’argomento oggetto del post e di scoprire le principali regole di redazione di sitografia e bibliografia è necessario fare un passo indietro; partiamo da una breve panoramica generale delle tipologie di tesi di laurea e degli elementi strutturali che esse prevedono.

In base alla tematica che hai deciso di affrontare e all’obiettivo che intendi raggiungere puoi scegliere tra le due seguenti tipologie di elaborato:

  • Tesi di ricerca (o sperimentale): come suggerisce la denominazione l’elaborato si focalizza prevalentemente su un lavoro di studio e ricerca, finalizzato a far emergere aspetti e punti di vista inediti, originali e/o innovativi relativamente a un caso o un problema esistente.
  • Tesi compilativa (o curriculare): consiste nell’analisi e nella rielaborazione di teorie e concetti rilevati da fonti autorevoli al fine di realizzare una sintesi completa della letteratura esistente sulla tematica.

Qualunque sia la tipologia di tesi che hai scelto per lo step finale del tuo percorso di studio, l’elaborato deve contenere le seguenti parti:

  • Indice
  • Introduzione: anticipazione degli argomenti trattati nel corso dell’elaborato; obiettivi finali
  • Corpo del testo: sviluppo dei punti
  • Conclusioni: sintesi del lavoro con evidenza dei risultati ottenuti
  • Bibliografia e sitografia: elenco dei documenti consultati

cos'è la sitografia

Bibliografia e sitografia: cosa sono

Chiariti gli elementi strutturali della tesi è tempo di entrare nel cuore del nostro post: la compilazione della bibliografia e della sitografia.

La redazione della tesi, sia essa di tipo compilativo o sperimentale, si basa sulla ricerca e sulla selezione delle fonti da consultare, e dalle quali estrapolare informazioni, concetti e teorie.

Per quanto possa sembrare superfluo ci teniamo a sottolineare l’importanza di selezionare fonti autorevoli e attendibili.

Tutto il materiale consultato e utilizzato come base di studio, analisi e rielaborazione rientra in quella che comunemente viene definita ‘bibliografia’, una sorta di rendiconto dell’attività di ricerca svolta.

Con l’avvento dell’era digitale e con la conseguente disponibilità di risorse consultabili comodamente online, la ricerca di fonti dalle quali attingere informazioni si è in parte spostata sul web.

Si è quindi creata una distinzione basata sulla tipologia di fonti utilizzate:

  1. Bibliografia: elenco delle fonti cartacee (libri, riviste, documenti, ecc)
  2. Sitografia: elenco delle fonti online, ovvero del materiale (siti, articoli, database, ecc.) consultato sul web

A cosa servono

Troppo spesso sottovalutate, la sitografia e la bibliografia rappresentano in realtà due elementi essenziali per la valutazione di uno scritto.

Ecco i principali motivi per i quali le due sezioni meritano una particolare attenzione:

  • forniscono una sintesi in merito agli studi effettuati sull’argomento fino al momento della redazione dell’elaborato;
  • indicano la tipologia di lavoro svolto;
  • svolgono funzione di guida per il lettore interessato ad approfondire gli argomenti trattati.

Regole e suggerimenti per la redazione

La sitografia è un elemento relativamente recente, legato allo sviluppo di internet e delle risorse in esso disponibili.
Per tale motivo la redazione non è legata a parametri ufficiali bensì ad alcune indicazioni di massima che seguono quelle previste per la scrittura della bibliografia.

Iniziamo con la collocazione all’interno della tesi.

Trattandosi di elementi strutturali ad essi spetta uno spazio dedicato, previsto nella parte finale della tesi, immediatamente dopo le conclusioni.

La stesura dell’elenco, sia esso sitografico o bibliografico, deve includere tutte le opere effettivamente consultate, anche se lette soltanto parzialmente.
Non vanno invece inserite le opere citate nelle sitografie utilizzate per la stesura della tesi ma non consultate personalmente.

In linea generale è opportuno ricordare che le voci inserite nella sitografia devono essere inserite con precisione.

Bibliografia

Le fonti che rientrano nella categoria bibliografica sono tutte quelle che utilizzano un supporto cartaceo; tra le principali rientrano libri, riviste, quotidiani, raccolte ecc.

Per quanto riguarda le regole di redazione ogni disciplina prevede uno stile preciso, i cui standard possono essere chiariti dal docente scelto come supporto per la redazione della tesi.

Esistono tuttavia alcune regole di carattere generale che devono essere rispettate.

La prima riguarda l’ordine da seguire nella citazione delle opere consultate.
Il criterio da utilizzare in tal senso è quello alfabetico, prendendo come riferimento il cognome dell’autore.
In presenza di più opere dello stesso autore bisogna seguire un ordine cronologico, partendo dalle opere più vecchie per arrivare a quelle più recenti.

Quando il testo consultato è straniero è d’obbligo citare tra parntesi l’edizione originale.

Passiamo ora ad analizzare l’inserimento di un libro all’interno di una bibliografia.
Ecco gli elementi da riportare, nell’ordine, separati da una virgola:

  • Cognome dell’autore seguito dall’iniziale puntata del nome
  • Titolo e sottotitolo del libro, scritti in corsivo e saparati da un punto
  • Luogo di pubblicazione: se non è indicato bisogna scrivere ‘s.l.’ (senza luogo)
  • Casa editrice
  • Data di pubblicazione: da riportare tra parentesi; se non è indicata bisogna scrivere ‘s.d.’ (senza data)
  • Numero dell’edizione consultata laddove ne esistono più di una
  • Numero di pagine ed eventualmente dei volumi
  • Traduzione: nei casi in cui il titolo è in lingua straniera bisogna riportare il nome del traduttore, il titolo in italiano, il luogo, l’editore, la data di edizione e il numero delle pagine

Per l’inserimento di un articolo pubblicato all’interno di una rivista bisogna riportare i seguenti elementi, nell’ordine, separati da una virgola:

  • Cognome dell’autore seguito dall’iniziale puntata del nome
  • Titolo dell’articolo, scritto in corsivo
  • Titolo della rivista, scritto in corsivo, inserito tra virgolette e preceduto da ‘in’
  • Anno, indicato con una ‘a’ seguita da numeri romani, e numero della rivista, indicato con ‘n’ seguito dai numeri arabi in grassetto
  • Data di pubblicazione
  • Intervallo di pagine consultate

Sitografia

Per scrivere la sitografia bisogna tener presente la tipologia di fonte consultata.

In particolare, quando la fonte è un sito web e non una singola pagina, è necessario riportare nella sitografia l’url del sito, ovvero l’indirizzo attraverso il quale il sito stesso è raggiungibile.

Ecco un esempio concreto:

Ministero della Salute: http://www.salute.gov.it/portale/home.html

Quando la fonte consultata è un singolo articolo, o comunque un documento specifico presente all’interno di un sito web, è necessario citare nome e cognome dell’autore del testo, l’url della pagina e, laddove indicata, la data relativa all’ultimo aggiornamento del sito; nel caso in cui non sia disponibile il riferimento temporale dell’ultimo aggiornamento è consigliabile inserire la data in cui è stata effettuata l’ultima consultazione.

In sintesi:

Cognome e nome dell’autore
Titolo e sottotitolo del documento o della pagina
Indirizzo del del sito web
Data di aggiornamento del sito oppure data dell’ultima consultazione

Ora che hai le idee più chiare su come scrivere la sitografia della tesi di laurea non ti resta che metterti subito all’opera ed iniziare ad impostare la sezione delle fonti consultate seguendo i nostri suggerimenti.

Buon lavoro!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali